Torre de’ Passeri, inaugurato l’asilo nido comunale

“La nascita di un asilo nido vuol dire coltivare la speranza, significa rispetto nei confronti degli esseri più fragili, ma anche più importanti della società: vuol dire che si dà valore alla cultura dell’infanzia. Mi auguro che questa nuova e bellissima struttura sia un luogo di pedagogia partecipata, in cui i genitori possano condividere, discutere e crescere insieme alle educatrici e insieme all’intero territorio”. Con queste parole il sindaco del Comune di Torre de’ Passeri, Antonello Linari, ha inaugurato venerdì scorso il nuovo asilo nido del paese, una struttura che potrà ospitare fino a 25 bimbi dell’intero comprensorio, dai 3 mesi ai tre anni. Alla cerimonia di inaugurazione hanno preso parte, insieme agli amministratori e a tanti cittadini, il Presidente della Provincia Guerino Testa, la Presidente dell’Unicef Abruzzo Anna Maria Monti, la Presidente della società cooperativa Il Gabbiano di Pescara (che gestirà la struttura), Franca Giovanni, don Mauro Pallini e gli architetti Fabrizio Chella e Agnese Damiani dello studio ZEDA+. “Quando abbiamo pensato a come doveva essere il nuovo complesso lo abbiamo concepito come un grande spazio protetto, con tanta luce e dei piccoli giardini interni, – ha raccontato l’architetto Fabrizio Chella progettista e direttore dei lavori – un luogo antisismico ed ecosostenibile con i pannelli fotovoltaici, gli infissi e le murature scelti per rispettare tutti i criteri del risparmio energetico”. Il nido, sorge in via Dante Alighieri, accanto al plesso scolastico che ospita la scuola dell’infanzia e la scuola secondaria di primo grado tra le altre cose, ha ottenuto il primo premio del prestigioso concorso nazionale IQU – Innovazione e qualità urbana, edizione 2011. Le congratulazioni e l’augurio di buon lavoro all’intero staff del Gabbiano sono arrivati dal Presidente della Provincia Guerino Testa e dalla Presidente regionale Unicef Anna Maria Monti che ha consegnato a tre nuovi nati, i piccoli Mattia D’Onofrio, Michelangelo Cioni e Giulia Di Russo una Pigotta, elencando le numerose attività che il Comune e il primo cittadino Linari, nominato dall’Unicef Sindaco difensore dei diritti dei bambini, hanno messo in campo, come il progetto “Adotta una Pigotta”. Ad ogni nuovo nato, infatti, il Comune di Torre de’ Passeri regala una bambola di pezza consentendo all’Unicef di fornire a un bambino di un paese africano un kit salvavita composto da vaccini, dosi di vitamina A, kit ostetrico per un parto sicuro, antibiotici e una zanzariera. Insieme a Linari e ai rappresentanti dell’amministrazione comunale, capofila del progetto, c’erano anche i sindaci dei Comuni di Castiglione a Casauria, Pietranico e Pescosansonesco, che hanno risposto, associandosi, al bando della Regione pensato nel quadro delle politiche volte all’incremento dei servizi per l’infanzia ed è costata 367.800mila euro (di cui 276mila fondi regionali e 91mila risorse del Comune di Torre de’ Passeri). “Il servizio, partirà il 10 Dicembre, sarà disponibile dal lunedì al venerdì dalle ore 7:00 alle ore 18:00, ma per venire incontro alle esigenze delle famiglie saranno possibili pacchetti orari flessibili – ha ricordato la Presidente della cooperativa Il Gabbiano Franca Di Giovanni, presentando le educatrici – La cura e la custodia dei bambini sarà affidata a personale qualificato e sarà possibile usufruire della mensa. Gli spazi della scuola saranno messi a disposizione anche per iniziative culturali e ricreative”. Le rette mensili, valevoli fino al 31 agosto 2013, sono state suddivise in tre fasce, in base alle ore di frequenza e saranno coperte in parte dal contributo di Regione e Comune del fondo per le politiche della Famiglia. Grazie all’intervento del fondo, infatti, la retta mensile sarà di € 420.00 per la prima fascia che prevede una frequenza di 11 ore al giorno nelle struttura comunale (dalle ore 7.00 alle ore 18.00), di € 300.00 per la seconda fascia che prevede la frequenza nella struttura per 7 ore (dalle ore 7.00 alle ore 14.30 ) e di € 200.00 per la terza fascia che prevede la frequenza 4 ore, o comunque periodi inferiori (dalle ore 14.00 alle ore 18.00). Va precisato che le tariffe agevolate riguardano i bambini residenti a Torre de’ Passeri e i piccoli residenti nei Comuni partner di progetto (Castiglione a Casauria, Pescosansonesco e Pietranico) e che sono previste riduzione per la frequenza di più figli.

L’Addetto stampa Torre de’ Passeri,

4 Dicembre 2012

4 anni ago